le cose che volevo dire prima

Una cosa che volevo dire prima è che quando Newton sviluppò le sue leggi della meccanica (nei Principia Mathematica, 1687) se per la fisica si trattò di un grandissimo passo avanti, dal punto di vista filosofico si trattò invece di una specie di passo indietro. Su posizioni addirittura aristoteliche.

Nel 1644 Cartesio pubblicò un testo fondamentale: i Principi di filosofia. Vi sosteneva  che un corpo è dotato di movimento solo in relazione a un altro corpo che viene scelto come riferimento. L’osservazione diretta gli mostrava che restavano invariati i movimenti paralleli alla superficie della Terra (gli oggetti cadono verso il centro della Terra con un’apparente traiettoria rettilinea); quindi si sentiva sufficientemente sicuro di poter affermare che mentre il moto rettilineo si conserva, ogni deviazione da quest’ultimo implica trasmissione del moto stesso attraverso un impatto.

Cazzo! Dirà Newton: ma questa è la legge d’inerzia. C’è solo un piccolo problema. Se dici che un corpo si muove in linea retta presupponi ci sia un sistema di riferimento fisso. Ma Cartesio questo lo aveva negato.

Allora cosa fece Newton, sdegnato da quella che riteneva una imperdonabile incoerenza di Cartesio, per poter però sfruttare il potenziale della legge d’inerzia che Cartesio aveva intuito? Scrisse quell’opera fondamentale di cui ti ho detto, i Principia Matematica, e introdusse i concetti di spazio e tempo assoluti.

L’intera costruzione newtoniana si basava sulla definizione di tempo assoluto “vero, matematico, in sé e per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno”, che “scorre uniformemente”. Definizione che presuppone due concetti: l’uguaglianza assoluta degli intervalli temporali e la simultaneità assoluta, cioè il fatto che due eventi sono simultanei a prescindere dal loro sistema di riferimento.

Un’altra cosa che volevo dire prima è che questa teoria di Newton fece oltremodo incazzare Leibniz. Per quest’ultimo infatti lo spazio e il tempo erano conseguenza delle cose, non loro presupposto come voleva Newton.

Fu una guerra senza quartiere. Se in fisica la vinse Newton (bisognerà aspettare almeno Ernst Mach nel 1883 perché qualcuno lo rimetta in discussione), in filosofia ci pensò Kant a trovare una soluzione: sostenendo (te lo dico in soldoni) che aveva ragione Leibniz sulla relatività dello spazio, ma che non aveva torto Newton perché lo spazio non poteva esaurirsi nella pura coesistenza delle cose.

Una terza cosa che volevo dire prima è che l’impressione che ho tratto -probabilmente sbagliando- dalla lettura degli ultimi libri di Daniele Barbieri (Nel corso del testo e Guardare e leggere) è che resti legato bettetinianamente a un concetto di tempo (sarà pure interiore e legato alla comprensione) semiologicamente (si può dire?) assoluto. Soggetto sì allo sviluppo della comprensione del testo – il guardare le vignette- ma comunque assoluto cioè organizzato in momenti tensivi uniformi e simultanei (la lettura del fumetto).

L’ultima cosa che volevo dire prima è che per me le cose non stanno così. E che basta guardare un fumetto di Hergè per rendersene conto.

Adesso mi tocca pure spiegare il perché.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: