introduzione alla vera storia del fumetto (7)

 

564101_489551211083234_1987323995_n
Converrai che se un titolo emblematico quale “in the shadow of no towers” viene tradotto come “l’ombra delle torri” il responsabile di questa scelta o non ha capito un cazzo del libro che ha tra le mani, o gliene importa così poco,trattandosi di fumetti, da scegliere la soluzione più comoda infischiandosene se così ribalta completamente il portato semantico del titolo originale di Spiegelman deprivando il lettore di importantissime informazioni. Ovviamente con tali premesse quando apro l’edizione Einaudi mi tremano i polsi per quello che troverò tradotto nei balloon.
Converrai che se traduco “una storia violenta” il, per altro mediocre libro di Wagner e Locke, “a history of violence”, commetto – nell’apparente innocuo passaggio dal sostantivo all’aggettivo- un crimine linguistico che riduce all’occasionalità e alla cronaca (l’eredità della tensione tutta occasionale del fumetto seriale italiano è difficile scrollarsela di dosso anche se si è gli editori di Miller) ciò che nelle intenzioni degli autori ha un valore universale. In poche parole dalla Storia alla cronaca.
Coverrai che, pur ammettendo l’impossibile bruttezza della traduzione italiana letterale di “ici meme” (proprio qui), scegliendo come titolo del lavoro di Forest e Tardi il signore di montetetro”, privi il lettore di una preziosissima iniziale informazione teorica.
1402241707_s_t
Resto radicalmente convinto che il fumetto, quando non è fumetto-televisione (cioè veicolo per proporti l’acquisto di un’ideologia narrativa normalizzante –bonelli- o di merciucolaggini da nulla buone per ogni stagione e per ogni mercato –marvel e tanti giapponesi che sono merce da supermercato già prima di diventare fumetto) è per sua natura intraducibile: come fai a tradurre Mozart? Lo ascolti perché è universale… non importa la lingua in cui canta Papageno, quello che sta dicendo lo capisci lo stesso, è la musica a dirtelo. Come fai a tradurre Mccay? Lo guardi perché è universale, e lo capisci comunque… perché quello che conta in una pagina a fumetti è il tutto: è la struttura della sua tavola, di cui le parole fanno parte ma che non sono la parte rilevante, che ti parla…
Quindi, capisci, nessun autore di fumetto è Joyce, no non è nemmeno Queneau e neppure Celine; non fraintendermi adesso, non sto facendo gerarchie… le odio, figurati! No, sto pensando che letteratura e fumetto non centrano quasi niente tra loro, per i tre  autori di cui sopra trovi qualcuno altrettanto bravo e gli fai scrivere un nuovo libro in un’altra lingua: basta mantenere i personaggi i luoghi e la trama – e alle volte nemmeno quelli- originari e lo pubblichi con soddisfazione: tu quale preferisci “i fiori blu” di Queneau o quelli di Calvino? Sono due cose diversissime (come le chiamava Eco queste traduzioni? Rifacimenti radicali), io le adoro entrambe… Il problema con la letteratura è quando il traduttore non riscrive il libro, ma lo traduce davvero: quando Bruno Pedretti traduce, anche fedelmente Les enfant du limon, dopo trentaquattro pagine, pur apprezzando lo sforzo sovrumano, chiudi l’edizione Einaudi e se sei in grado vai a leggerti quella Gallimard, oppure lasci perdere, tanto sarebbe uguale.
 Il fumetto ha un problema in più: che non basterebbe riscriverlo, bisognerebbe ridisegnarlo. Perché Pazienza non trova pubblico all’estero? Perché privato della sua lingua il fumetto di Pazienza perde profondamente di senso, diventa solo bel disegno… senza la sua lingua, il cui lettering fa ontologicamente parte di ogni tavola, il fumetto di Andrea Pazienza non esiste, ed è per questo che i francesi, per esempio, non lo amano. La lingua di Segar, per fare un altro esempio fondamentale, non è una parte essenziale del suo fumetto, è il suo fumetto; o hai un altro Segar che lo ridisegna in italiano o lasci perdere. Potranno capirlo e amarlo solo gli americani o i coglioni come me convinti che il fumetto si guarda e non si legge.
Dici che sono confuso? Cercherò di chiarirmi. Quando traduci un testo letterario da una lingua in un’altra, non applichi mai, vocabolarietto alla mano, una sinonimia secca, ma come intendere una parola lo decidi rispetto all’intero contesto verbale. Nel fumetto non c’è solo il contesto verbale, c’è un fortissimo contesto iconico di cui la parola è parte fondamentale e non slegabile.
Perché il fumetto non è un contesto linguistico, non si esaurisce in un linguaggio. Ho fortissimi dubbi che lo si possa considerare anche come un sistema semiotico, ma in mancanza di definizione migliore mi accontento… solo che è un sistema semiotico particolare, nel quale non è possibile distinguere hjelmslevianamente un piano dell’espressione da un piano del contenuto. Oggiaggià. Adesso mi taccerai di avere una visione metafisica del fumetto, ma corro il rischio, perché sono convinto che l’idea che ne ho è invero radicalmente fisica. Il fumetto non esprime un bel niente, ma proprio niente. Il fumetto è. Punto e basta. Le parole scritte nei ballons sono anche e soprattutto disegno, concorrono senza possibile soluzione all’impatto che la tavola ha sul tuo sguardo di lettore. Per questo amo dire che il fumetto non si legge, ma si guarda.
Ma queste, mi dici, sono solo menate teoriche. Nemmeno particolarmente approfondite. E la teoria può permettersi posizioni che l’esperienza pratica non può prendere in considerazione. Si aggiunga che già la riflessione teorica sui fumetti è quasi inesistente, figurarsi quella sulla traduzione dei fumetti.
C’è poi il fatto, ed è quello che conta, che uno dica vabbè, anche se sfregiata dei due terzi la bellezza del thimble theatre è tale che vale la pena di proporla lo stesso a chi solo di quel terzo che resta, una volta tradotto, potrà giovarsi e goderne.
Si, vabbene. Ma chi lo fa? Chi lo traduce? Non basta, a tradurre Segar, un Giorgio Caproni… eppoi ci vorrebbe un Giorgio Caproni… nel fumetto…
tumblr_l3nl7fTu8q1qc0rlro1_400

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: