archivio

barricato in salotto

10383040_1622385264695133_5756303298776455202_n

Sto trascurando il blog. Lo so. Ma non faccio apposta.

E’ che mi sono un po’ distratto.

Comunque se ti aggrada la mia sintassi qui ti spiego perché Larcenet è un gigante, mentre qui perché se leggi il francioso non devi lasciarti sfuggire l’autobiografia di Druillet.

Poi quando uscirà Scuola di Fumetto n.97 ci troverai un mio pezzo sui motivi per cui Qui di McGuire è un volume imprescindibile.

E tutto il resto che va avanti. Il progetto con il Castaldi. Il mio dannato saggio su Paname i fumetti la rivoluzione. Altre cose di cui ti dirò.

Salud y libertad

copertina-defLa casa editrice Porthos ha pubblicato in italiano quello che è, forse (anzi, no, togli il forse) il libro più bello di Davodeau. Se frequenti, anche sporadicamente, queste mie stanze, sai che lo ritengo un autore tra i più interessanti del fumetto francofono.

Gli amici di Fumettologica mi han chiesto di scriverci due righe sul perché lo ritengo un libro importante.

Eccole.

Christian Hincker, aka Blutch, ha ricevuto durante il Festival d’Angouleme di quest’anno, il premio, istituito dopo la strage nella redazione di Charlie Hebdo del 7 gennaio, per la libertà d’espressione. Ha tenuto un breve discorso, alla presenza della ministra della cultura Fleur Pellerin (avercene noi).

143955122-df065933-fb4f-4bc6-a2ba-6a5cb4a93957

Ho sentito, e mi perdonerai, la necessità di tradurtelo, per ovviare a quanto malamente fatto da altri in altre sedi.

 

Signore, Signori

mi permetto di leggervi un piccolo intervento che ho scritto questa mattina.

Scusatemi.

Sto su questo palco, sotto questi riflettori, perché delle persone che devono vivere nascoste mi hanno chiesto di farlo. Persone come voi e come me, ma protette dalle forze dell’ordine; che scendono a comprare il pane con la scorta; che scrutano con paura tra i passanti; che sorvegliano, dalla finestra, ogni movimento della strada. Dei superstiti, che pagano un conto che non è il loro, perché –

scusatemi

– ma il prezzo della vostra famosa libertà d’espressione è veramente esagerato.

Tanto più che in questo paese, faro della libertà, terra del pensiero e della ragione, di Cartesio e di Voltaire, la si pensava stabilita una volta per sempre questa libertà d’espressione; che fosse parte di noi. Invece no. La mia presenza qui lo dimostra senza pietà. Che tristezza!

Probabilmente qualcuno, da qualche parte, non ha fatto quello che avrebbe dovuto.

Scusatemi.

Abbiamo fatto un bel manifestare, congratularci, riconoscerci tra i giusti; noi la borghesia progressista ci siamo concessi gratificazioni e riconoscimenti, appuntandoci spilette sui baveri, rassicurandoci.  Ma quelllo che è successo è irreparabile.

Quando questa cerimonia finirà torneremo ai nostri affari, a darci da fare per la fama, a raccontare storie irrilevanti, a cercare il nostro posto in questo festival, tanto il peggio è accaduto. Il male è già accaduto.

Scusatemi.

Ma cari colleghi, guardate che non esiste il paradiso, non esistono angioletti e nuvolette, Dio non esiste, siete completamente soli, e solo quello che fate e che dite è creatore di senso. Questa è LA vostra responsabilità.

Mi scusi,

Lei, Signora Ministro, ma gli anarchici di una volta uccidevano sovrani, regine e primi ministri, personaggi che detenevano il potere e che ritenevano responsabili. Voi ve la siete sfangata bene, avete preso il potere ma non la responsabilità. Quella l’avete lasciata ad altri.

Quello che è successo quella mattina del 7 gennaio, forse è una versione della lotta di classe. La riscossa sociale l’avete resa impossibile, e allora per forza, non resta che la vendetta sociale.

Mentre scrivevo queste righe, stamattina, mi è tornato in mente Voltaire, è pure di moda: non vale la pena sprecare fiato con certa gente.

E’ per questo, scusatemi, che non vi ringrazio.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: