archivio

Archivi tag: Daniele Barbieri

Una cosa che volevo dire prima è che quando Newton sviluppò le sue leggi della meccanica (nei Principia Mathematica, 1687) se per la fisica si trattò di un grandissimo passo avanti, dal punto di vista filosofico si trattò invece di una specie di passo indietro. Su posizioni addirittura aristoteliche.

Nel 1644 Cartesio pubblicò un testo fondamentale: i Principi di filosofia. Vi sosteneva  che un corpo è dotato di movimento solo in relazione a un altro corpo che viene scelto come riferimento. L’osservazione diretta gli mostrava che restavano invariati i movimenti paralleli alla superficie della Terra (gli oggetti cadono verso il centro della Terra con un’apparente traiettoria rettilinea); quindi si sentiva sufficientemente sicuro di poter affermare che mentre il moto rettilineo si conserva, ogni deviazione da quest’ultimo implica trasmissione del moto stesso attraverso un impatto.

Cazzo! Dirà Newton: ma questa è la legge d’inerzia. C’è solo un piccolo problema. Se dici che un corpo si muove in linea retta presupponi ci sia un sistema di riferimento fisso. Ma Cartesio questo lo aveva negato.

Allora cosa fece Newton, sdegnato da quella che riteneva una imperdonabile incoerenza di Cartesio, per poter però sfruttare il potenziale della legge d’inerzia che Cartesio aveva intuito? Scrisse quell’opera fondamentale di cui ti ho detto, i Principia Matematica, e introdusse i concetti di spazio e tempo assoluti.

L’intera costruzione newtoniana si basava sulla definizione di tempo assoluto “vero, matematico, in sé e per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno”, che “scorre uniformemente”. Definizione che presuppone due concetti: l’uguaglianza assoluta degli intervalli temporali e la simultaneità assoluta, cioè il fatto che due eventi sono simultanei a prescindere dal loro sistema di riferimento.

Un’altra cosa che volevo dire prima è che questa teoria di Newton fece oltremodo incazzare Leibniz. Per quest’ultimo infatti lo spazio e il tempo erano conseguenza delle cose, non loro presupposto come voleva Newton.

Fu una guerra senza quartiere. Se in fisica la vinse Newton (bisognerà aspettare almeno Ernst Mach nel 1883 perché qualcuno lo rimetta in discussione), in filosofia ci pensò Kant a trovare una soluzione: sostenendo (te lo dico in soldoni) che aveva ragione Leibniz sulla relatività dello spazio, ma che non aveva torto Newton perché lo spazio non poteva esaurirsi nella pura coesistenza delle cose.

Una terza cosa che volevo dire prima è che l’impressione che ho tratto -probabilmente sbagliando- dalla lettura degli ultimi libri di Daniele Barbieri (Nel corso del testo e Guardare e leggere) è che resti legato bettetinianamente a un concetto di tempo (sarà pure interiore e legato alla comprensione) semiologicamente (si può dire?) assoluto. Soggetto sì allo sviluppo della comprensione del testo – il guardare le vignette- ma comunque assoluto cioè organizzato in momenti tensivi uniformi e simultanei (la lettura del fumetto).

L’ultima cosa che volevo dire prima è che per me le cose non stanno così. E che basta guardare un fumetto di Hergè per rendersene conto.

Adesso mi tocca pure spiegare il perché.

Già a pagina nove del suo libro attualmente più ambizioso…(Nel corso del Testo, Bompiani, 2004) capisco perché quando Daniele Barbieri parla di fumetti nello specifico, difficilmente andiamo d’accordo. Dice infatti Barbieri, e io riassumo alla bruttodio, che una situazione senza tempo è una situazione in cui nulla accade. Sì insomma, una situazione senza novità e conseguentemente senza produzione di senso. Ovviamente non si riferisce al tempo come inteso dalla fisica classica; sarebbe infatti impossibile sostenere che un’immagine come una vignetta è soggetta al tempo astronomico-cronometrico,ma bensì un tempo dipendente dalla situazione rappresentata, dove basta che la differenza che rompe il ritmo sia pertinente per quel contesto affinché ci sia scorrere del tempo. Bene questo è verissimo ed è quello che diceva, più o meno, anche Ricoeur.

Barbieri estende il concetto al fumetto, sostenendo che esso adopera per rendere lo sviluppo temporale meccanismi simili alle altre forme narrative.Lo scorrere del tempo, necessario alla produzione di senso, sarebbe dato dalla creazione di un rilievo. Che poi sarebbe l’improvvisa rottura di un ritmo istanziato. Alla fine tutto gira attorno alla vignetta, la cui variazione improvvisa, dimensionale, spaziale e formale creerebbe quel rilievo (pertinente all’architettura della tavola) che spezza il ritmo stabilito dalle altre vignette, facendoci cogliere bettetinianamente il senso del tempo.

Beh, mi sembra un modo colto ed elegante per dire che aveva ragione Eisner.

Io non lo penso. Che avesse ragione Eisner. Perché ritengo che il fumetto sia la dimostrazione palese che può esserci narrazione senza tempo. Il fumetto a differenza delle altre, che sono grandezze continue, è una forma di narrazione a grandezza discreta.

Nelle sue meditazioni Leibniz (Meditazioni sulla conoscenza, la verità e le idee in G.W. Leibniz, Scritti di logica, Zanichelli, 1968) sostiene la liceità del “certo non so chè”. Cioè: dice. Che è tuo indiscutibile diritto trovare un’opera bella o brutta , interessante o trascurabile per quel certo non so che, che ti resta inesplicabile. Anzi, dice, può anche darsi che proprio quell’inesplicabilità sia ciò che ti rende attraente quell’opera.

Mi è accaduto una volta. Una sola. Leggevo e rileggevo Un rude Hiver (dopo la traduzione Mondadori del 1947, puoi trovarlo in una più recente edizione Einaudi) di Queneau. Non ci succede niente. Niente di niente. Un rancoroso reazionario va a pranzo da suo fratello, poi passeggia in riva al mare chiacchierando con un militare inglese e alla fine accompagna al cinema due bambini incontrati su un tram. Eppure per un motivo che non riuscivo a capire, e non era certo per quel disvelarsi ad ogni lettura di nuovi dettagli di cui parla, non ricordo dove, Perec, mi sembrava un libro splendido. Forse per quel certo leibniziano non so che.

Poi.

Qualche tempo dopo mi capitano tra le mani gli Ecrits pornographiques (editions 10/18) di Boris Vian. Allora capisco. Che Un rude Hiver io lo adoro perché è un libro pornografico. Pura letteratura erotica. Non me ne ero mai accorto. Non c’è sesso nel libro. Solo emozioni, perfettamente orientate però –ecchecazzo! A che serve saper scrivere!- verso i centri sensoriali di mia minore resistenza. Non certo, in questo caso, il cerebro. Più in basso, di sicuro. Dice poi Boris Vian che qui, in questo libro, quelle sensazioni –l’erezione chioso io e il bisogno di soddisfarla, con una sega anche… – che altrove ci suscita la rappresentazione dell’amore esplicito, ce le suscita un raffinatissimo flirt intellettuale tra citazioni letterarie e filosofia.

Ora. Se soddisfare quest’erezione nata dal bruto desiderio (chennesò: i romanzi di Caldwell) ovvero dalla sollecitazione intellettuale (appunto: Queneau ne raggiungerà poi l’apoteosi nel ciclo di Sally Mara), fosse facile come procurarsi un bicchiere di vodka o un pacchetto di camel, e se lo si potesse fare in pubblico, quando se ne ha voglia… l’amore intendo,con chi cavolo ci va, senza chiudersi in una stanza o nascondersi da qualche parte… beh, dice sempre Vian, l’alcolismo e il tabagismo sparirebbero subitamente.

Appunto.

Eccoci al passo indietro che ti avevo promesso.

Quando compare per la prima volta nella vita di TinTin, il capitano Haddock é sbronzo fradicio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: